La rinascita del mondo

Mi sembra che il tempo si sia fermato, in queste ultime settimane di cui noi tutti dobbiamo rimanere in casa. La vita fuori continua senza di noi, i fiori si risvegliano, gli alberi hanno le prime foglie. E poi ci sono gli uccelli che danno concerti gratuiti tutto il giorno, l’aria è più pulita di quanto non lo sia stata per anni. In realtà non ho desideri in questo tempo, voglio solo godermi questo tempo di pace e tranquillità. In realtà è un peccato che abbia avuto bisogno di un virus per inquinare meno l’ambiente.

le foto sono dal mio giardino

15 pensieri riguardo “La rinascita del mondo

      1. Che bella testimonianza! Anche a me piace vedere il lavoro della Natura. Sopratutto con piante che non conosco…In questo periodo sto osservando un mandorlo che ho piantato l’anno scorso. E’ un alberello piccolissimo e ha messo le gemme fiorite per primo. Ora ha già i piccoli frutti verdi…Tantissime mandorle appena sbocciate alla vita!…

        Piace a 1 persona

      2. noi abbiamo fatto una piccola piscina per gli uccellini, e un posto dove mettiamo il pane grattugiato… dovresti vedere quanti uccellini abbiamo nel giardino c’è anche una coppia di pettirossi ♥

        "Mi piace"

  1. Da un male per noi è scaturito un bene per l’ambiente. Ciao Rebecca i tuoi fiori sono semplicemente stupendi. Goditeli. Anch’io sul terrazzo ho dei ciclamini che da novembre mi regalano un po’ di bellezza e adesso sembrano più belli. Ciao cara ed avanti sempre.

    Piace a 1 persona

    1. Cara Lucia, sai cosa mi stupisci, il fatto che la natura si ha cosi veloce ripresa. Noi essere umani siamo egoisti, ma è per la prima volta che l’intera umanità e costretta di riflettore… forse impariamo qualcosa da questo virus… si va avanti per forza… bussi

      Piace a 1 persona

  2. Purtroppo e’ un bene non duraturo. Fino a quando l’uomo brucera’ per avere energia, ci sara’ inquinamento, ci saranno virus (l’inquinamento li velicola…), come civilta’ terrestre dobbiamo superare l’era della combustione. Non è facile, ma possibile. Ci vorra’ qualche secolo. Ad esempio, incrementare il Solare (numericamente e tecnologicamente), veicolare energia con centrali solari poste sulla Luna e inivate a Terra sotto forma di microonde che, raggiunte le antenne riceventi, ridiventano corrente elettrica, mettere pannelli solari nel Sahara, creare energia dal moto delle onde del mare, rendere elettrico tutto il trasporto su ruote e non (si stanno sperimentando motori elettrici per aerei….). Un’altra cosa, in alternativa alla cobustione. E’ una parola che non vorrei scrivere, ma che scrivo ma poi preciso: nucleare. Ma nucelare BUONO, centrali a FUSIONE, che non lascia scorie (come invece fa la fissione, o scissione nel nucleare tradizionale), e su cui siamo solo agli inizi. Ripeto, ci vorra’ un secolo, due secoli, tre; ma è l’unico modo per salvarci e progredire: smettere di bruciare.
    Ahime’, Riprenderemo a vivere, e le ciminiere torneranno a fumare. Purtroppo e’ cosi’. Ciao

    Piace a 1 persona

      1. Ciao. “on voglio pensare al futuro… per adesso vivo in serenità nel presente… “. Scusami, se ti scrivo “non c’entra”. Perche’ tu ti riferisci al tuo atteggiamento nella vita, che e’ giusto. Ma il mio commento riguarda, se rileggi bene, il discorso GENERALE su come far durare la vita sulla Terra. Sull’unico modo, per quanto tanto tempo ci voglia, che è l’unico modo di salvare il pianeta, e’ “non consumare e non inquinare con la combustione”. “ioi penso al presente.”, giusto, individualmente e per il prossimo (tuo marito, uno che ha fame…). Ma se si parla di come far sopravvivere il genere umano, migliorare il pianeta, si DEVE parlare al futuro (la fusione nucleare- non lascia scorie..-, l’energia elettrica trasportata a distanza senza fili- come diceva Tesla..-. Anche io penso al presente, mi preoccupo di camminare senza inciampare, di stare a un metro di distanza da una persona, di fare una carezza a Lina. Questi sono i nostri approcci individuali alla vita. Ho solo scritto che con un lavoro di decine di anni, qualche secolo, se si cambia rotta, si creera’ un mondo nuovo. Chi dice che non serve inviare sonde nello spazio, si sbaglia. Prima di tutto, un razzo ci salveraa’ da un asteroide. Poi, sulla Luna si potraa’ fare tanto, “serre”, “centrali di energia” (imagina una centrale a fusione che poi manda energia alla Terra- senza bruciare…-). E su Marte? Sono cose lontane, ma fra trecento anni ci saranno delle colonie, si coltiveranno prodotti “adattati”, e non ci saranno fabbriche con i camini ad inquinare, e nemmeno sulla Terra. Poi e’ chiaro, giiorno per giorno, pensiamo al presente. Ma certe persone, esempio scienziati,devono lavorare PER IL FUTURO, gia’ da oggi, per le nuove energie, per miglioare i viaggi spaziali, per studiare come estrarre minerale dagli asteroidi, per deviare gli asteroidi ecc. ecc. Ciao 🙂

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...